Il mio lavoro con Ighina

 

Nel 2004 lasciava la sua vita terrena Pier Luigi Ighina da Imola, dopo avere seminato idee nuove , rivoluzionarie , ma anche eccentriche  e straordinarie. Considerato ufficialmente poco degno di nota da gran parte dei  fisici del tempo , ebbe  invero la considerazione di Emilio Del Giudice e  Giuliano Preparata che delle teorie di Ighina parlarono con toni più che possibilisti in una intervista a Report di qualche anno fa.

Durante il suo operato Ighina raccolse un discreto numero di seguaci, assistenti, testimoni sempre presenti ai suoi esperimenti, lo aiutarono nei suoi progetti e condivisero con lui successi e a volte inevitabili sconfitte , uno di questi era Alberto Tavanti.

Dopo la morte di Ighina Alberto Tavanti pubblicò a sue spese alcuni libri a testimonianza del lavoro di Ighina, alcuni di questi, come “Pier Luigi Ighina , profeta sconosciuto” correlati di immagini e documenti , ebbero un discreto successo in una nicchia di mercato, ma nessun riferimento o istruzione a replicare alcuna invenzione. Alberto , dopo la prima pubblicazione , restò ad osservare come le proposte di Ighina iniziavano a dare frutto.

Negli anni che seguirono il lavoro di Ighina si divulgò , in qualche maniera , in rete , associandolo spesso a quello di Nikola Tesla , Marconi, Kozyrev ed altri appartenenti ad un manipolo di ricercatori nel campo delle scienze di confine che appoggiavano le più disparate teorie: terrapiatta , alieni , scie chimiche, antichi astronauti,  complotti , terra cava .

Io invece costruii un E.R.I.M. 

Era lo strumento più conosciuto fra quelli realizzati da Ighina, apparentemente il più semplice, la cui efficacia era subito verificabile.  Per costruirlo incrociai i dati  e le immagini di tutto quello che trovai , infine , pubblicai in rete quella esperienza.

Alberto Tavanti mi contattò

Mi scrisse una email, e  quasi scherzando , mi disse che , se volevo, mi avrebbe  aiutato a cambiare il mondo  e insegnato qualcosa. Nei mesi successivi , lui da Faenza io da Milano, producemmo una miriade di progetti , disegni , test meravigliosi, che mi indirizzarono verso una scienza nuova, incredibilmente inaspettata, che faceva riferimento alle onde magnetiche solari, alle emanazioni terrestri, alla sezione aurea , con componenti mai utilizzati prima, i  materiali , i colori , modificati usando come principale assistente la Natura , come fanno gli alchimisti, sino a realizzare i primi strumenti ora veramente efficaci. E.R.I.M. Elios iniziarono ad essere prodotti e distribuiti, centinaia di persone ne ebbero subito la benefica emanazione nelle loro case.

Incontrai Tavanti a Faenza.

A suggellare la amicizia con l’ unico collaboratore di Ighina ancora in vita , andai a casa sua e lo trovai ancora più straordinario. Alberto Tavanti emanava dalla sua persona la calma consapevole di chi sa  dove può arrivare. Mi mostrò migliaia di documenti, disegni , congetture scarabocchiate sul primo foglio che capitava quando in mente arrivava una idea nuova, fra quegli scritti si confondevano i suoi e quelli di Pier Luigi Ighina, al punto che non si capiva dove avesse iniziato il progetto l’Uno e dove avesse proseguito l’ Altro , in un Mondo di idee  dove io volli  , fortemente volli fare parte per sempre. Durante quel’ incontro furono poste le basi per la costruzione della replica ” Valvola dei terremoti “, ridimensionata per essere più facilmente istallatile ed usufruibile , nella nostra speranza di poterne posizionare centinaia. In breve fu pronto il primo prototipo.

Tavanti morì

Il 26 gennaio 2011, consapevole che anche il pensiero ha una frequenza e vibra, egli, colpito dal malore, disse le ultime  delicate parole  alla cara moglie, Madeleine, : “Pensa bene…pensa bene…” e non si sveglio più.  Il mio Maestro mi aveva lasciato , ma qualcosa di veramente importante era stato trasmesso in linea diretta , come da un Padre ad un Figlio. Io da allora , ho cercato di meritarmi quella considerazione.

Il mio lavoro con Ighina

Dal 2011 ho migliorato e realizzato migliaia di E.R.I.M.,che si trovano nelle case delle famiglie italiane e di tutto il mondo

Ho ampliato la sperimentazione anche su Elios, scoprendo altre applicazioni e distribuendo anche questo in centinaia di pezzi.

Ho realizzato più di 60 Valvole dei terremoti, distribuite nel territorio nazionale.

Ho effettuato, in collaborazione con altri  a volte, centinaia di esperimenti che confermano già molte teorie.

 

Alcuni, nel tempo, hanno cercato di scimmiottare il mio lavoro ,  vedendo nella commercializzazione di questi oggetti una fonte di lucro , pur non conoscendo le modalità tecniche di realizzazione di questi strumenti, creando dei malfatti oggetti inefficaci. Altri hanno stravolto i progetti di Ighina, millantando teorie astruse sull’  analogo funzionamento di una fotografia invece dell’ apparecchiatura.  Per questa dura legge commerciale  nulla ho potuto fare , se non raccomandare all’ informazione , al contatto diretto,  evitando  le persone che manifestano conoscenze superficiali , costituite per lo più da  copia e incolla di materiale reperito in rete. Il mio lavoro con Ighina, iniziato 10 anni fa, prosegue, nel nuovo laboratorio che si trova a 35 km da Milano, che , previo appuntamento, potrete anche visitare, testare l’ efficacia di un E.R.I.M. fatto come si deve, verificare di persona gli effetti di Elios, potrete vedere la meraviglia di una Valvola del terremoto.

Per concordare un appuntamento, prendere informazioni sui nostri strumenti, prenotarne , scrivete una email all’ indirizzo email evidenziato a destra altra……@gmail.com

 

Domenico Caputo

 

4 Comments

  1. grazia
    Dic 30, 2018

    Caro Domenico,

    il tuo scritto su Tavanti mi ha commosso.
    Buon Anno Nuovo, di cuore.

    Grazia

  2. domenico
    Gen 2, 2019

    Ciao Grazia , quando si scrive attingendo dal cuore questo capita

  3. Massimo
    Gen 2, 2019

    Domenico vai avanti tutta.. Ma con attenzione… auguri buon 2019 max

    • domenico
      Gen 2, 2019

      Oh grazie Max.
      Rispetto per tutti , paura di nessuno.

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*