Spirit of Saint Louis

 

charles-lindbergh-spirit-of-st-louis-H

 

L’aereo con cui  Charles Lindbergh per primo trasvolò l’ Atlantico senza scalo, doveva avere qualcosa di speciale, ma nessuno ci pensò.

L’ attenzione venne concentrata sull’ eroe alto e biondo e con il giubbotto da aviatore che dal 20 maggio 1927 in 30 ore di volo da New York  atterrò a Parigi .

 

lindbergh-charles-001

 

A quei tempi il motore per un aereo di quelle dimensioni beveva kerosene come una spugna ed i galloni necessari alla trasvolata erano tali da affogare qualsiasi bollente spirito di avventura.

Non quello di Charles Lindbergh , che oltre ad essere un buon pilota dell’ aviazione aveva un altro asso nella manica.

Lo Spirit of Saint Louis non era alimentato a kerosene, o almeno, non solo. 

All’ interno del velivolo era stato montato un generatore di energia che funziona con il campo magnetico terrestre, per farla breve quel campo che emana l’ aurora boreale.

L’ inventore di tale dispositivo era un geniale meccanico americano, che era incappato per caso in questa soluzione, mentre studiava il metodo per costruire una bussola che segnasse il vero Nord e non quello finto.

Questo Signore si chiamava Leister Henderschot e fu il primo uomo che Charles Lindbergh cerco’ tra la folla ed andò a salutare quando tornò in patria, ringraziandolo di esistere.

 

Leister_Hendershot

Hendershot sin da bambino ,era un ammiratore di Nikola Tesla ed almeno in un occasione ebbe la possibilità di parlarci e di chiedergli alcuni consigli sul prototipo in fase di realizzazione.

Anche grazie alle indicazioni ricevute riuscì nel suo intento di sfruttare il campo magnetico terrestre per costruire un generatore di energia silenzioso, potente e freddo che permise la prima trasvolata dell’ Oceano Atlantico senza scalo.

E dopo? Lo Spirit of Saint Louis venne sopito, con le buone o con le cattive. 

Al pilota eroe venne rapito ed ucciso il figlio di un anno, all’ inventore venne fatta un offerta per il progetto che non poté rifiutare. 

La free energy è sempre un argomento di grande attualità, sopratutto nella “libera” rete, di svariate grandezze sono le bufale, ma nelle ultime settimane si è affacciata alla ribalta una organizzazione , la QEG, che , basandosi su un brevetto di Nikola Tesla, si ripromette di rendere noto e libero un dispositivo in grado di fornire energia prelevandola dal campo magnetico, rendendosi disponibile a formare tecnici per la sua costruzione.

Lo Spirit of Sain Louis puo’ essere ri-acceso

 

link:

Per costruire il dispositivo QEG free energy di Tesla puoi scaricare i documenti open sourced  qui’

Altre informazioni  qui

 

Ringrazio Massimo R.  e Marco M. preziosi Collaboratori e Amici…  per  tutto.

 

7 Comments

  1. vincenzo
    Mar 27, 2014

    Ciao fratè in attesa che spirit of s. luis torni a volare io sto riprendendo gli esperimenti con Elios…ho conservato per due anni una bottiglia trattata in esso e ti posso assicurare che sembrava appena presa alla fontana…Calabrisella mia facimmu ammuriiii

  2. vincenzo
    Mar 27, 2014

    Aheem la bottiglia conteneva acqua…

  3. sandra
    Mar 28, 2014

    Scusa Vincenzo, ma che ci azzecca l’ Elios con la free energy?

  4. domenico
    Mar 30, 2014

    Caro Vincenzo, detto anche Re dei Gizi, pranoterapeuta, radioestesista, scrittore di libri sul fluido vitale, nonchè Amico ormai di vecchia data, ti ringrazio sempre per i tuoi preziosi esperimenti con gli strumenti di mia creazione, che rivelano nuove applicazioni e caratteristiche prima sconosciute.

    Per Sandra:
    Elios con la free energy non ci azzecca molto, o forse si, mai Vincenzo fa le cose a caso….

  5. Gianluca
    Mar 30, 2014

    Parallelamente a Domenico (senza saperlo) ho fatto ricerche anche io sul Sig.Hendershot e la sua storia, io ho trovato in rete manuali per costruire il generatore Hendershot (in inglese) , che poi è molto simile a quello che si vede nella foto postata sopra, non mi sembra simile al QEG di Tesla, ma sempre di free energy parliamo. Non lo ho costruito e quindi testato. Se qualcuno lo ha fatto e ci informa anche noi ben volentieri. Per i manuali a chi fosse interessato li giro volentieri o li mando a big boss (Domenico) che se vorrà ve li linka nel suo sito.

    • domenico
      Mar 31, 2014

      Ciao Gianluca, manda i manuali che li linkiamo, grazie

  6. vincenzo
    Apr 2, 2014

    Verissimo fratè, siamo ormai legati da anni di affetto e stima reciproca e per me è e sempre un piacere scoprire qualche nuovo impiego dei tuoi sensazionali strumenti… anche l’Energia di Elios è free o sbaglio? certo non serve come propellente ma scherma alla grande la mia sala degli ospiti da misteriosi bombardamenti cosmici che spesso fanno ballare impazzita la barra di Atlante. Grazie Dò per avermi cavato le castagne dal fuoco con la Sandra, che fa sempre domande pertinentissime…

Rispondi a vincenzo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*