Change energy, come ti scaldo la Casa Bianca


John Doerry,
il miliardario americano che a suo tempo sostenne la nascita di colossi come Google, ci ha gia’ scommesso 100 milioni di dollari.
Sino ad oggi, data della presentazione, non l’ aveva praticamente ancora visto nessuno.
In totale su questo progetto, gli investitori hanno gia’ messo 400 milioni di dollari.

Google e E-bay ce l’ hanno in cantina.
Cosa è?
Si chiama
Bloon Box ed è una unita’ delle dimensioni di un frigorifero, dove sono impilate una certa quantita’ di celle a combustibile . Il principio di queste celle in sintesi è che da una parte entra ossigeno, dall’ altra il combustibile, all’ interno una reazione chimica produce elettricita’.
Ma mica è una idea nuova, le celle a combustibile non sono mai state utilizzate a pieno per gli elevati costi di gestione uniti alla difficolta’ a trovare il giusto combustibile. Ora è arrivato questo
K.R. Sridhar, ingegnere di origine indiana, con un passato professionale alla NASA, che scopre come alimentare Bloom Box con gas naturale, biomasse e solare.Inoltre, invece del costosissimo platino delle celle tradizionali, usa un metallo poco costoso, ed apre una azienda per sfruttare l’ invenzione. I grandi investitori ci credono, ed arrivano i finanziamenti. Niente rumore, niente emissioni in atmosfera. Inoltre l’ amministratore delegato di E-bay, Jhon Donahoe, ha precisato un risparmio di centomila dollari nei trascorsi 9 mesi dall’ istallazione. Certo che per ora il costo iniziale è proibitivo,un impianto in una grande azienda si aggira sulle 700/ 800.000 dollari, ma fra’ 10 anni, per un sistema Bloom Box in una casa, si potrebbe arrivare a spendere solo tremila dollari . Il petrolio è agli sgoccioli, la scelta nucleare di Obama, potrebbe non essere l’ unica via percorribile. Il sogno confessato dall’ ingegnere è quello di mettere un impianto alla Casa Bianca.                                              
fonte http://www.cbsnews.com/stories/2010/02/18/60minutes/main6221135.shtml

4 Comments

  1. Luca Girau
    Feb 25, 2010

    Ciao!! Speriamo nella riuscita di questa invenzione..un energia pulita ed aprezzabile e sempre ben accettata da tutti e spero che tra qualche anno i costi proibitivi scendano di molto e diano la possibilità a tutti di poter sfruttare un servizio pulito e senza rischi per nessuno.

  2. domenico
    Feb 25, 2010

    E’ gia’ realta’. Se segui il link segnalato nel sito troverai un video. Fa’ niente se è in inglese, si capisce lo stesso di cosa parlano. E poi c’e’ l’ amministratore delegato di E-bay che fa’ vedere il loro impianto fantastico.

  3. Ed
    Feb 27, 2010

    Guarda che non è vero che non emette nulla in atmosfera. Si tratta solo di una caldaia a metano molto efficiente. Dunque brucia roba come tutti i vari motori.

    Devi tenere a mente che in USA non è diffuso il metano come da noi. Così come i loro elettrodomestici e le loro auto hanno consumi esagerati per mancanza di ottimizzazione. Per cui basta poco per stupirli.

  4. domenico
    Feb 27, 2010

    Ed ,secondo te gli americani hanno scoperto solo “una caldaia a metano molto efficiente?” E ci investono 400 milioni di dollari? Mi sembra alquanto riduttivo,le lampadine a basso consumo quindi non sanno nemmeno cosa sono. Questi americani! Come caspita faranno ad andare nello spazio ,mi chiedo?

Rispondi a Luca Girau Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*