ERIM, stra fatti di luce.

imagesdna

 

E’ stato scoperto che il DNA funziona come una spugna che assorbe la luce: il biofisico e biologo molecolare russo Pjotr Garaiev mise una molecola di DNA in una cuvetta di quartz e vide che assorbiva tutti i fotoni di luce, conservandoli poi sotto forma di una spirale!

Un ricercatore italiano “venuto dal futuro” , Pier Luigi Ighina, si dice assistente segreto di Guglielmo Marconi, negli anni 70/80 creò una antenna particolare, ERIM (acronimo di emettitore ritmico impulsivo magnetico).

Secondo le intenzioni dello scienziato, questo strumento interagisce con le onde elettromagnetiche della luce del Sole, conformandole in spirale e rendendolo in questo modo benefiche, salutari, energizzanti per ogni essere vivente nel raggio di azione.

Forse che ERIM alimenta il nostro corpo di luce?

Furono effettuati parecchi test con l’antenna ERIM che ottenne centinaia di feedback positivi, certo nessun riscontro scientifico, solo osservazioni dirette ed empiriche.

Torniamo a Garaiev ed al suo esperimento con i fotoni di luce:

quando egli tolse il DNA dal contenitore, si accorse che laddove fino a poco tempo prima si trovava la molecola del DNA, la luce continuava ad esistere sotto forma di spirale. Apparentemente non ci sono spiegazioni razionali e scientifiche , l’ unica potrebbe essere che esiste un campo di energia che si unisce al “DNA fantasma”, ad una copia eterica del DNA. Questo “fantasma” mantiene e conserva la luce.

Ad esempio, se in questo momento voi siete seduti sulla sedia leggendo queste righe, ma poi vi alzate e ve ne andate altrove, il vostro doppio energetico continua a comporre piccole spirali di luce laddove eravate seduti, entro trilioni di molecole di DNA, per almeno 30 giorni ancora.

Il nostro “doppio energetico” rilascia dietro di se invisibili spirali di luce lungo tutti i nostri percorsi.

IL NOSTRO CORPO SI NUTRE DI LUCE E LA EMANA

Molto probabilmente siamo arrivati ad un bivio dove le scoperte sul DNA riveleranno scenari inediti , ipotesi sinora considerate azzardate, concetti sino ad ora solo abbozzati stanno diventando realtà .

Fritz Popp, un eminente scienziato tedesco che da anni studia i biofotoni, ritiene addirittura che arrivi dalla luce del sole e non dal cibo il nostro principale apporto di energia fisica e mentale .

Egli sostiene fra l’ altro : “…….Adesso sappiamo, per esempio, che la luce può generare, o arrestare, delle reazioni a catena nelle cellule, e che il danno genetico cellulare può essere virtualmente riparato , nel giro di alcune ore, da deboli fasci di luce.

A conferma dell’ esistenza di un corpo di luce degli esseri viventi , nel giugno del 2005, a Bologna, venne effettuato un altro esperimento a cui parteciparono sei coppie di persone, di queste una donna ed un uomo rivelarono speciali particolarità.

Questa coppia in realtà non era formata da persone comuni, Umberto Di Grazia e Florentina Richeldi al buio, ripresi da speciali macchine da presa in grado di amplificare di 50000 volte il segnale luminoso, emanavano fotoni di luce.
Non solo, le riprese dimostrarono che le loro emanazioni luminose producevano bagliori all’ unisono che partivano dalla zona della testa e del cuore.
La luce emanata sembrava battere allo stesso ritmo…

E.R.I.M….ricordo, acronimo di emettitore, ritmico, impulsivo, magnetico.

Erim03

Ora presi separatamente i vari esperimenti, indicherebbero che è ora di perfezionare i libri di scienze, ma anche che non tutti hanno un emissione di fotoni identica, probabilmente perchè il nostro DNA non li assorbe in maniera uguale per tutti, il corpo di luce sembra avere le sue ragioni che la ragione, ancora, non conosce.

Potrebbe dipendere da quando ognuno ne recepisce oppure da quanto ognuno di noi ne ha a disposizione a secondo della vita che conduce.

E.R.I.M. di Ighina è uno strumento in grado di concentrare l’ energia solare, che si riflette sulla Terra, rendendola armonizzata e coerente con il nostro DNA?

Se è questa la sua funzione finale non è mai stato sinora scritto , ma senz’ altro l’ ipotesi che l’ oggetto interagisca addirittura con il DNA, la possibità che un aumento di luminosità del corpo di luce migliori l’ armonia personale, i rapporti con gli altri, se fosse così questa eventualità spacca le convenzioni .

Del resto non sarà un caso se l’ antico saluto indiano significa: “La luce che è in me saluta la luce che è in te.”

Namastè

Per informazioni, per sperimentare ERIM ed altri strumenti inventati da Ighina, scrivete una email  all’ indirizzo evidenziato nella fascia destra di questa pagina

 

Questo articolo è protetto dalla licenza creative commons internazionale più restrittiva , non potete utilizzarlo senza permesso

Licenza Creative Commons
ERIM stra fatti di luce dicambioilmondo.it è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at http://www.cambioilmondo.it/erim-stra-fatti-di-luce/.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso www.cambioilmondo.it.

6 Comments

  1. kennet
    Mag 12, 2016

    Questo articolo andrebbe scritto TUTTO in neretto!!!
    😉

    • pino
      Giu 4, 2016

      sono convinto che di balle c’è ne di fatti nessuno solo parole e balle

  2. umberto
    Mag 12, 2016

    ……Fantastico…..sono quasi pronto per raccontarti ….tutto ciò che mi sta accadendo ed il merito è sopratutto il tuo! Saluti amico mio.

  3. domenico
    Mag 12, 2016

    Oh Kennet!!! TUTTO?

  4. domenico
    Mag 12, 2016

    Umbe!!!! Sono sicuro che in questo periodo hai visto cose che noi umani nemmeno possiamo immaginare!!
    Anche a me ne capitano di tutti i colori! A volte mi sento Indiana Jones alla ricerca di stà caspita di Arca!

  5. TSN
    Giu 28, 2016

    Il perchè 2 delle 6 persone emanavano più radiazioni, credo vada ricercato in ciò che potremmo definire ” l’apertura mentale “, anche se questa definizione induce in errore, visto che in realtà l’intelletto risiede al di fuori del corpo (visto che esso vive anche quando il corpo giace/dorme).
    Le persone che emettono poca luce, i cui corpi di luce (almeno 7 ben distinti ne possediamo, tanti quanti i colori dell’arcobaleno) non sono ben visibili, sono persone che non hanno ancora sperimentato la cosiddetta “illuminazione”, ovvero non hanno ancora fatto un passo significativo sulla contemplazione della nostra natura umana, dei significati della nostra presenza/vita sulla Terra etc… insomma in breve direi che sono un pò materialisti e pigri/ignoranti.

    La massa è luce (M=e/c^2) ovvero energia, e l’energia è sempre elettromagnetica, ovvero ha una dinamica di movimento che genera impulsi magnetici i quali generano frequenze visibili, ovvero luce colorata.
    A seconda della frequenza cambia il colore, a seconda di quanto siamo aperti (umili) o chiusi (arroganti) a certe conoscenze / credenze, allora la nostra energia si manifesta più o meno in modo importante.
    Poi ci sono dei metodi per aumentare l’energia, il più antico è dato dalle vibrazioni esteriori (ovvero il mantra) o interiori (lo dhikr del cuore) e a seconda di come lo si fà ha più o meno effetto, oppure ci sono luoghi dove l’energia fluisce in modo più importante (come potrebbe essere Lourde) oppure con strumenti come quello di ighina o con pietre come il quarzo etc…
    Ma nulla è migliore della riflessione interiore, ovvero meditare su qualche cosa (anche il meditare sul nulla va bene, ma difficilmente ci si riesce se prima non si è raggiunto un livello minimo di consapevolezza…. io non lo consiglio).

Rispondi a domenico Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*