Gruppo italiano costruisce il QEG, motore free energy

3554229309_cac34886ba_b

Come si fa a capire se una informazione è vera o falsa?

La realtà viaggia spesso su un filo veramente sottile e siamo costantemente in dubbio per cercare di intuire chi dice il vero e chi il falso, chi scherza e chi fa sul serio, chi è in buona fede e chi le spara grosse sapendolo.

La pigrizia spesso la vince ed allora nel dubbio la cosa più facile da fare è credere alla opinione che ci porti un qualche guadagno o per lo meno che non ci arrechi alcun danno.

A volte per scoprire se una cosa è vera o falsa c’e’ un solo modo.

Rifarla, uguale uguale.

 

Un gruppo di ricercatori italiani si è incontrato nei giorni scorsi in una località segreta del Veneto (era cosi’ segreta che una volta sul posto poteva essere difficile rendersi conto di essere arrivati).

Il motivo del rendez vous è stato quello di unire esperti nel campo di etere ed energie sottili per valutare l’ opportunità di aderire ad un progetto che potrebbe cambiare il mondo: il QEG , quantum energy generator.

Trattasi in breve di un motore a risonanza che secondo alcune informazioni rende 10 volte la corrente utilizzata per innescarlo, dopodichè ci si stacca dalla presa e si alimenta da solo.

180px_I_rifrazione_suono_normale

Per farvi intendere con 10 kw di potenza avete l’ energia elettrica per tre famiglie. Il progetto deriva da un brevetto di Nikola Tesla e pare sia stato divulgato gratuitamente attraverso la rete da un gruppo con fini puri ed altruistici (Peace and Love a loro sino alla settima generazione ah ah)

Dopo avere fasciato i telefoni cellulari dentro capienti fogli di domopack per non emettere onde nocive e non essere rintracciati, dopo avere valutato i manuali di istruzione per la costruzione e discusso sulla teoria di funzionamento, dopo avere preso visione di filmati ed avere soppesato i pro ed i contro dell’ operazione il gruppo ha dato parere favorevole all’ unanimità.

Prima di tutto si è stabilito di usare un codice segreto per scambiarsi informazioni, ma poi ognuno proponeva un suo linguaggio criptato ed in breve nel salone sembrava una Babele di lingue sconosciute fra le quali mi pare che un dialetto veneto la abbia fatta da padrone.

Ristabilita la calma con un “ma va in mona!” alla fine si è deciso di cambiare il significato dell’ acronimo QEG stabilendo che ogni comunicazione fra i partecipanti doveva avere esordio con un “Quando Eravamo Giovani” giusto per dare al tutto un velo di segretezza .

Non sto a dirvi l’ ilarità quando dal giorno dopo si sprecavano le email che spiegavano Quando Eravamo Giovani ho trovato un tubo, oppure Quando Eravamo Giovani non ho trovato un tubo.

Senza lungaggini si è subito elaborato un piano di lavoro, distribuiti i compiti e stabilito priorità, in breve il gruppo era operativo ed aveva già inviato richieste di preventivi e stabilito differenti sedi per la produzione di almeno due primi prototipi per i test.

A quanto pare le istruzioni per la costruzione del motore free energy QEG destano molto interesse in rete ma come al solito poi sono pochi quelli che veramente si mettono all’ opera.

Per una efficace informazione vi diremo VERAMENTE come proseguiranno i lavori. Sappiamo che Taiwan, Germania, Marocco, Perù hanno costruito efficacemente il QEG, addirittura voci di corridoio sussurrano che in Perù sia il Governo ad appoggiare e finanziare l’ operazione.

E noi che facciamo?

Nato dalla frequentazione di cambioilmondo.it e dalla ricerca sullo scienziato Ighina, forte nei suoi successi in precedenti missioni considerate impossibili, il gruppo italiano che sta per costruire il motore QEG è un accozzaglia di esperti nei rami più disparati , dal fisico al meccanico, dall’ elettronico allo sviluppo CAD, dal logistico al linguista , poi radioestesisti, pranoterapeuti, sino ad arrivare alla partecipazione di esperti nel campo della manipolazione di energie sottili.

Un gruppo che sembra quello indicato nel manuale di istruzioni come quello più idoneo a costruire uno strumento che interagisce con chi lo fabbrica.

Un gruppo che svelerà la verità sulla scoperta che potrebbe cambiare il mondo.

Siam pronti alla morte, che Italia chiamò…

 

Parlo del QEG anche qui’

 

 

 

 

 

 

 

 

17 Comments

  1. Aigor
    Mag 15, 2014

    Ci speravo tanto. Davvero tanto.
    Buon lavoro a tutti voi. Di cuore

    • giuseppe
      Dic 5, 2015

      sono tutte fesserie non esiste ancora un distibutore per la vendita del qeg solo fumetti.

  2. eMMe
    Mag 19, 2014

    In Bocca Al Lupo Ragazzi !!! Comunque …dato che anche qualcun altro si sta cimentando e farebbe piacere poter scambiare qualche esperienza … in base alla mia esperienza in genere non funziona niente al primo colpo ed è sempre meglio diffidare di ciò che sembra funzionare caso contrario! Ad esempio dubbi sulla congruenza dello schema (manca raddrizzatore per il DC motore) e sullo spark gap mai indicato sulle foto….anche il numero di pezzi di alluminio per i supporti degli avvolgimenti primari sono 16 ma se ne vedono montati solo 8….La sensazione è che ci siano dettagli lasciati deliberatamente flottanti….Ciao!

  3. michele
    Mag 23, 2014

    Ciao anche noi in piemonte stiamo facendo la stessa cosa .come avete risolto il problema della costruzione dello statore secondo le specifiche a quanto pare conviene comprarlo gia’ fatto negli usa in quanto prodotto in modo industriale

    • domenico
      Mag 29, 2014

      Ciao Michele, siamo all’ approvvigionamento dei materiali, cercando di prestare la massima attenzione a reperire l’ identico dell’ originale.
      Significa che l’ acciaio sarà proprio quello, e che costruiremo da noi lo statore, costi quello che costi

    • Franco Menghini
      Ago 23, 2015

      fregatene delle specifiche : quì funziona su pacco lamiere di un trifase a 36 cave 2 poli e non serve nè alta tensione nè gli spinterometri .
      serve il giusto calcolo delle spire la loro induttanza ed il pacco lamiere fresato a farfalla – funzione anche troppo bene –

  4. Marte
    Mag 29, 2014

    Voglio partecipare anch’io! Non ho lauree non ho risorse tranne la mia testa ma voglia di cambiare il mondo si.
    Se posso essere utile anche solo come bracciante fatemelo sapere ne sarei orgoglioso.

    • domenico
      Mag 29, 2014

      Grande Marte!! Vedremo…faremo…speriamo…Tieniti agganciato per il post test

  5. epilobio
    Giu 28, 2014

    Se c’è qualcuno interessato a brescia sono disponibile a collaborare.

  6. Giuseppe Siano
    Set 3, 2014

    Salve ragazzi
    Io sono un letterato, perciò non ci capisco niente, per cui posso solo sperare che ” un’anima buona” accetti di costruirmelo, ovviamente pagando TUTTI i materiali richiesti.
    Dove trovo ” l’anima buona?”

  7. guido
    Ott 29, 2014

    Per cominciare buon lavoro a tutti quelli che stanno realizzando il generatore ,poi chiedo collaborazione nella formazione di un team per costruire un generatore nella zona di Rimini . In attesa grazie

  8. Genius
    Dic 6, 2014

    Sto realizzando la macchina per gli avvolgimenti dello statore

  9. claudio
    Dic 26, 2014

    Io mi sono cimentato in alcune versioni di motore magnetico fallendo. Mi piacerebbe provare a costruire questo tipo di motore ma non trovo un progetto preciso sapere indirizzarmi

  10. Franco Menghini
    Feb 1, 2015

    lo sto collaudando in questi giorni ma non è uguale a quello amerindo è un italiota che proviene dai residuati di riparazione motori da 10 cavalli 2 poli a 36 cave utilizzate 32, pare che promette bene, il pacco lamiere lavora in escalation della tensione che va meravigliosamente bene, mi sto cimentando con la risonanza a 500 Hz ed ho in costruzione lo spinterogeno quello che funziona , quello loro è completamente sbagliato.

  11. Franco Menghini
    Lug 25, 2015

    ho finito il qeg di terni , funziona a meraviglia, e la risonanza si estende anche a giri variabili – il principio di funzionamento è un altro – è a riluttanza variabile – la lamoada da 1000 watt funziona alla tensione di 90 volr arriva a 1800 gradi assorbe 3 ampere con amperometro a pinza , ma perde i giri perchè la farfalla non ha la gabbia collegata – sviluppero su un trifase il progetto finale – la free energy sta nel rotore a gabbia con 8 ferri-chi vuole notizie mi deve contattare – lo considero a flusso zero

    • bebboal
      Ago 7, 2015

      Salve signor Menghini la vorrei contattarla per avere delle info in merito al Q E G la mia email e albertofarinella@hotmail.it gli lascio anche il mio n 3387666960 o se lei mi puo mandare un mumero dove poterla contattare le sarei molto grado grazie ancora mi auguro di poterla contattare quanto prima saluti Alberto

      • Franco Menghini
        Ago 23, 2015

        attenzione DEBBOAL ti ho inviato tutto il progetto costruttivo per il generatore trifase da 20 kw 2000 giri 26o Hz 220 volt c’è la teoria ed il principio di funzionamento , se non sei del mestiere devi abbandonarlo , ma sei invitato alla visione del prototipo che demolirò alla fine di settembre.

Rispondi a eMMe Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*