Il mistero della valvola dei terremoti.

Era una macchina tutta colorata piazzata nel giardino della villa  in via Romeo Galli a Imola, una specie di telaio metallico, a forma di cono, con una spirale che  gli girava intorno. L’ aveva fatta costruire il padrone di casa,tale Pier Luigi Ighina, studioso di magnetismo ed altre faccende sull’ energia cosmica che tutto pervade.
Qualcuno  diceva che era stato assistente di Guglielmo Marconi, e che insieme a lui aveva scoperto la reale funzione dell’ energia in natura, altri lo ritenevano perlomeno eccentrico per le sue idee bislacche e passavano oltre.    Lui se ne fregava, continuava a costruire le sue macchine meravigliose, che armonizzavano i cicli vitali, facevano piovere, fermavano il terremoto, e le istallava nel suo laboratorio oppure in giardino.
Era una persona con il sole dentro, e con il sole aveva un rapporto speciale.
Piu’ di una volta andarono ad intervistarlo giornalisti importanti, di trasmissioni come Report di rai tre, la materia dei suoi studi era curiosa, il personaggio  interessante e la gente rimaneva affascinata da argomenti cosi’ “colorati”.
Si spense, all’ eta’ di 96 anni, nel 2004, il suo laboratorio venne smantellato, le sue macchine distrutte, ma prima di andarsene aveva lanciato il seme, le immagini dove una sua  pala girante apre uno squarcio nelle nuvole ed esce il sole, la sua intervista dove racconta, giornale alla mano, di come in una occasione il terremoto colpi’ Faenza, salto’ Imola e arrivo’ a Modena, risparmiando solo la zona dove era piazzata la sua valvola dei terremoti, le interviste fatte da Maurizio Costanzo,  iniziarono a circolare liberamente in rete incuriosendo sempre piu’ persone con mentalità aperta e cuore impavido, pronte a mettersi in gioco per una idea nuova, a guardare oltre il conosciuto, a cercare una soluzione.
Via via che passano gli anni sempre piu’ correlazioni vengono trovate fra gli studi di Ighina e quelli di  ricercatori russi di fama come Kozyrev,vengono confermate ipotesi sulla natura dei terremoti dovuti a gas compresso, che necessiterebbe  di una valvola per scaturire senza danni dalla Terra, e di come il nostro pianeta debba i suoi movimenti tellurici a tempeste magnetiche provenienti dal Sole, le cui immense esplosioni di questi mesi starebbero tenendo sotto pressione il globo terrestre, caricandolo e causando i terremoti che si stanno verificando in questo periodo in tutto il mondo ed anche in Italia, in zone che sino a poco tempo fa erano ritenute non sismiche, e che ora gli studiosi si stanno affrettando a rivedere , onde evitare forse di ritrovarsi spiazzati davanti all’ evidenza dei fatti, a dovere riscrivere interi libri e teorie, evitando certo di parlare dei flares solari portentosi che si stanno verificando in questi giorni e che la  NASA conosce bene, qui\’ glissando sugli  spiaggiamenti delle confuse balene in concomitanza con tempeste magnetiche solari, dei gabbiani alzati tutti quanti in volo, di notte , in alcuni paesi che si trovano sullo stesso asse delle zone che hanno subito il terremoto dei giorni scorsi, della stranezza di eventi sismici che avvengono “senza nessuna correlazione” tutti uno dietro l’ altro,  del mal di testa insistente, del malessere avvisato da molte persone il giorno dell’ ultimo terremoto.Certo, se ci fosse una valvola dei terremoti di Ighina da provare….Si potrebbero davvero verificare le sue idee….Ebbene la valvola dei terremoti di  Ighina  esiste!
Anzi, a onor del vero ne esistono almeno undici, (oggi 27 ndr) alcune grandi come l’ originale, altre in scala 1 a tre, alte appena un metro circa fuori terra, che ognuno si possa mettere in giardino.
Fatte basandosi sui disegni dell’ Ing. Emiro Medda, che con Ighina fece in tempo a collaborare.  Fatte da me,  personalmente,  unico a conoscere la dislocazione di ognuna di esse, che vi possa scrivere  quanto segue: sarà sicuramente casuale ,ma fatta esclusione per una valvola  incidentata durante il trasporto, (l’ eccezione che conferma la regola?),tutte le altre hanno casualmente  dato esito positivo, a testimonianza di cio’ allego a questo post, le lettere email pervenute,senza la correzione di una sola virgola, da due coraggiosi utenti della valvola dei terremoti  che hanno scritto , da me sollecitate, degli eventi  sismici avvenuti nelle loro zone nei giorni scorsi
Dopo l’ evento del 25 gennaio 2012 utente Emilia Romagna:
“Ciao Domenico,
abbiamo chiesto in giro……(parenti che abitano a 2-3 km da noi) ad amici (che abitano 4-5km da noi)……ma niente ; per il 31 dicembre non hanno sentito nulla …..nemmeno noi abbiamo avvertito qualcosa ( forse perche’ dormivamo? io,pero’ ho sempre sentito il terremoto anche se tirava nella notte.)
Riguardo ai terremoti di questi giorni , noi NON abbiamo sentito NULLA !
Quindi, PROSEGUI pure sulla tua strada!!!!!!!!!
CIAO dalla Romagna

(sappiamo che sei molto impegnato…..ma se ci fai sapere un po’ di dati che ti arrivano , ci fa’ piacere)

p.s.
mia suocera che era alquanto scettica sulla va2011 e ci aveva presi
per matti…..sembra si stia ricredendo!”
Altro utente Veneto :
“Ciao Domenico,
prima di tutto ne approfitto per farti i miei più sentiti auguri per un felice anno 2012.
Il terremoto da queste parti, da quanto ho potuto constatare, l’abbiamo “sentito” solo dalla televisione;
ti sembrerà strano, visto la potenza dell’evento, ma nessuna delle persone alla quale ho chiesto “hai sentito
il terremoto?” mi ha dato una risposta positiva! Pazienza l’evento avvenuto nella mattinata di ieri mattina ma
la scossa avvenuta nel veronese, per giunta nella tarda serata, doveva essere avvertita…
Tu che hai il polso di mezza Italia che testimonianze sei riuscito a raccogliere?
Stammi bene.”
Ancora l’ utente dell’ Emilia Romagna scrive il 27 gennaio dopo le scosse:
“Ciao Domenico,
anche oggi noi non abbiamo avvertito nulla ( il terremoto che ha tirato in provincia di parma alle 15.53).
SALUTI”

Il dodici di febbraio un altro terremoto scuote l’ Emilia Romagna, la zona dell’ epicentro è nella provincia di Forli’ Cesena, ancora piu’ vicina all’ istallazione di quella del precedente sisma, l’ utente dell’ Emilia Romagna, che mi invia anche questa splendida foto allegata, con particolari bagliori colorati nel cielo sopra la Va 2011 , commenta cosi’ i fatti nella email inviatami:

“CIAO,

siamo ancora noi dalla Romagna.

Riguardo il terremoto di stamattina, amici e parenti non si sono accorti di nulla.

Abbiamo appreso la notizia dalla tv.”

Il mistero della valvola dei terremoti di Ighina si infittisce… se mi prendono mi fanno fuori.

Sullo stesso argomento potrete leggere molte importanti informazioni leggendo in questo blog:
Il terremoto si è fermato a Imola
Replicata la valvola antisismica di Ighina
Esperimenti con la valvola dei terremoti  con specifiche informazioni, disegni dell’ esperimento privato in corso sul territorio nazionale da aprile 2011. Baci

2 Comments

  1. Alex
    Gen 12, 2016

    Ciao
    Io vi voglio chiedere se si dispone di un sistema di Valvole nelle città più grandi. Ciò che accade con energia sismica è dissipata o rischiano di essere riflesso del valvola o nell sistema di più Valvole

    Grazie

    • domenico
      Gen 12, 2016

      Ciao Alex, riformula la domanda se vuoi, questa non l’ ho capita

Trackbacks/Pingbacks

  1. Pier Luigi Ighina – Il genio incompreso | ilsovranista.it, libero presidio dell'informazione - […] Approfondimenti sulla valvola sismica: Trascrizione intervista di REPORT e documentazione specifica Il mistero della valvola dei terremoti
 (dal blog…
  2. Pier Luigi Ighina – Il genio incompreso | Misteri e Controinformazione - Newsbella - […] Approfondimenti sulla valvola sismica:Trascrizione intervista di REPORT e documentazione specificaIl mistero della valvola dei terremoti
 (dal blog di Domenico…

Rispondi a domenico Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*