La cella di Joe,cronaca di una impresa

free energy

Dieci anni fa, mi proposero di costruire un dispositivo. E’ una cosa abbastanza normale che ad una persona che di mestiere costruisce, ripara, assembla o 🙂 rompe meccanismi, prima o poi qualcuno chieda di “arrangiare” qualcosa. Solo dopo aver valutato il progetto scoprii che mi era stata offerta una grande opportunitĂ , in quanto per avere qualche probabilitĂ  di successo, la costruzione di una cella di Joe richiede una grande apertura mentale, un approccio altruistico, una buona dose di umiltĂ , tanta pazienza e la voglia di confrontarsi con esperimenti scientifici nel vero senso della parola, perchĂ© quello che succede con una Cella di Joe, per le leggi della fisica…non dovrebbero accadere… Mi sentii quasi a disagio di questa immeritata considerazione, ma fortemente incuriosito, accettai . La persona che mi propose la costruzione sarebbe stato il mio primo collaboratore. In seguito divento’ anche un amico. La cella di Joe è un dispositivo che cattura l’energia orgone, questa, convogliata nella dovuta maniera e per via di un sistema di semplice elettrolisi, puo’ essere utilizzata per alimentare …..un motore a scoppio, scindendo idrogeno e ossigeno con un apparecchio tutto sommato semplice. Quindi, usando solo acqua pura, una qualsiasi auto con motore a benzina, potra’ chiudere il rubinetto della alimentazione….e viaggiare con l’energia della vita. Come potrete leggere nei documenti e nei manuali in rete che vi indicherò, o in quelli che potrete cercare, non è cosa da tutti far funzionare una cella a orgone. Fra le righe potrete comprendere che l’ elaborazione è molto simile ad un esercizio spirituale, che solo se seguito con l’ Anima stessa, potrĂ   far sì che la cella azioni il motore della vostra auto, non certo la sete di notorietĂ  o di ricchezze. Quindi solo un cuore puro, come nelle piĂą’ antiche leggende, fara’ l’ impresa?  Usando quindi soltanto acqua, roba da non credere vero? Meglio che  spieghi, prima di tutto il nome.

La cella e’ stata inventata da un australiano che, una volta scoperto gli studi di Reich , piu’ volte da me citati in questo pazzesco blog, decise di costruire un dispositivo orgonico in grado di catturare questa energia e sfruttarne l’ immensa potenza per fare funzionare la sua auto. Quando ci riuscì inizio’ a divulgare la notizia, gratuitamente voleva insegnare ad altri come è possibile, con una minima attrezzatura, e con una mentalitĂ  aperta, costruirsi una cella orgonica in grado di alimentare un auto. Ma ad un certo punto cominciarono ad arrivargli varie minacce, che quando giunsero al livello di guardia lo convinsero ad abbandonare il progetto. Di lui non si sa’ piĂą niente. Varie leggende metropolitane dicono sia stato ucciso, oppure che i grandi interessi petroliferi lo abbiano coperto d’oro in cambio della sua “scomparsa”.

In ogni caso il suo vero nome fu’ cancellato da qualsiasi documento, ed altri sperimentatori che presero in mano il suo progetto, decisero di chiamarlo Joe, identificando cosi’ , in qualche modo, questa sorte di milite ignoto , per ringraziarlo di avere intrapreso e condiviso l’ esperimento. Quindi per tutti gli sperimentatori che hanno affrontato l’avventura della costruzione della cella orgonica, questa si chiama cella di Joe. Tutti noi abbiamo sentito parlare prima o poi di motori che funzionano ad acqua, ad aria, a energia solare ecc….ma, se ci riflettiamo bene ci possiamo rendere conto che l’uso di una energia libera potrebbe veramente cambiare il mondo. Sappiamo bene quante guerre si scatenano solo per i pozzi di petrolio. In questa epoca sono ancora combattute delle false crociate , guerre mascherate con intenti nobili hanno l’unico scopo di appropriarsi dell’oro nero . Quando i media parlano di energie alternative, sottolineano ad arte le difficoltĂ  immense che ci sarebbero per fabbricare idrogeno, energia magnetica, energia solare, energia elettrica usufruibile per trasporto, lasciandoci nella schiavitĂą’ del petrolio. La cella di Joe non presenta grosse difficoltĂ , qualsiasi appassionato di bricolage avanzato è in grado di costruirla. Non la si può tassare la cella , il necessario per costruirla è molto semplice :alcuni tubi in acciaio del tipo 316L, acqua pura, una batteria 12 volt 7 amp e inizia l’ avventura. Se avete voglia di inseguire un sogno, iniziate a scaricare nel link che segue, il manuale di istruzioni ,gratuito ed in italiano, per costruire una Cella, ne vedrete delle belle. http://www.scribd.com/doc/7063806/Manuale-Per-Costruire-Una-Cella-Di-Joe Volete vedere come funzione un motore alimentato a Joe Cell? Cliccate sulle parole free energy, vicino alla immagine  qui’

8 Comments

  1. Hadraniel
    Mag 25, 2009

    Ma che bello scoprire un cavaliere antico fra i membri di Miglioriamo.it!
    Caro Mimmuccio, quando ho aperto il tuo blog non ho dato peso al disegno, ma appena ho cominciato a leggere, chissà perché, la mia mente ti ha associato istantaneamente a uno dei Cavalieri dello Zodiaco (serie televisiva per gli appassionati della lotta bene contro il male).
    Ma veniamo al contenuto dell’articolo. Fra i vari libri che ho letto mi sono sicuramente imbattuta anche nella Cella di Joe, perchĂ© ricordo bene il nome. Ma non ho fatto approfondimenti, anche perchĂ© non pensavo fossero meccanismi fattibili nella pratica comune. Poi, invece, incontro un simpaticissimo elfo-folletto-o che dir si voglia, di nome Domenico, che dice: “eppure è semplice, fate così e così…”. Ed ecco che le porte miracolose dell’energia si aprono.
    Ora io sono sicura che la mia macchinina continuerà imperterrita a funzionare a benzina, anche perché ha una certa età come la sua padrona, ma ho il cuore pieno di gioia e di riconoscenza per queste menti geniali che cercano, nel limite delle loro possibilità, di migliorare il mondo.
    Mimmuccio, ti dispiace se penso che sei un extraterrestre?
    Bacionissimi e un grande abbraccio con il Cuore.
    Hadraniel

  2. domenico
    Mag 25, 2009

    Lungi da me esser cavaliere, al massimo scudiero. I cavalieri che fecero l’ impresa sono tutti quegli uomini che non si sono accontentati delle risposte preconfezionate ad arte. Sono quegli scienziati , Leonardo , Tesla, Ighina , Reich che venivano considerati pazzi perche’ avevano idee cosi’ innovative da non essere comprese dalla maggior parte degli studiosi classici. C’e’ molto di piu’ di quello che ci hanno sempre fatto credere. Grazie di cuore per il tuo commento, angioletto.

  3. Marisa
    Ago 17, 2009

    Sono sinceramente in ammirazione di persone
    così umili e geniali. Purtroppo il mondo del consu-
    mismo non le ama. Speriamo non facciano sparire
    qualcun’altro!
    Complimenti e auguri per i tuoi progetti.

  4. maurizio
    Set 18, 2009

    appena lo saputo ho vuluto fartene partecipe. ho avuto notizia che gia nell’antichitĂ  di usava una specie di cella di joe : l’hanno chiamata Batteria di Baghdad. che cosa ne pensi?

  5. domenico
    Set 18, 2009

    Grazie Maurizio, di questa cella galvanica non sapevo nulla, ha in effetti delle similitudini con la cella di Joe,che viene alimentata da una batteria 12 volt 7 amp. In questo caso la cosa interessante è che a quei tempi non conoscevano la corrente elettrica pur utilizzandola in maniere diverse. Nella costruzione della cella di Joe, che è un dispositivo orgonico, si alternano materiale organico (acqua) con materiale non organico (acciaio ).Poi la batteria serve ad ottenere l’ elettrolisi. Nella Batteria di Baghdad si alternano rame e ferro e si sfrutta la differenza di potenziale per ottenere voltaggio? Devo approfondire, ci rivediamo qui’, uno di questi giorni, ciao Maurizio, a presto.mimmuccio

  6. maurizio
    Set 19, 2009

    secondo me unendo le due celle si potrebbe compensare i difetti che queste hanno

  7. Alessandro G
    Mag 13, 2010

    Ciao Demenico,
    sto leggendo con interesse tutto quello che sto scoprendo in questi siti e come sempre quello che posti tu ha un’attrattiva particolare.
    Io ho problemi a trovare sia il filmato che le foto della cella. la descrizione nel testo di 140 pagine è abbatanza accurata, è solo che mancano delle immagini per il corretto ed univoco assemblaggio..
    Riusciamo a costruirne una?!

    A presto
    Ale

  8. domenico
    Mag 13, 2010

    Ale, certo che riusciamo, io pero’ ne ho gia’ costruite due, di quelle di test, con il contenitore in vetro, una delle mie celle le puoi vedere nel video che ho allegato al post “La cella di Joe secondo Giovanni” nel mio blog.

Trackbacks/Pingbacks

  1. AAA GENIO INCOMPRESO CERCASI | Cambiare se stessi per cambiare il mondo. - [...] Cosicchè, se non ci fosse quello stramaledetto sistema, le automobili potrebbero andare ad acqua, (la cella di Joe), paesi…
  2. La cella di Joe, secondo Giovanni. | Cambiare se stessi per cambiare il mondo. - [...] mie avventure con la cella, se non sai che caspita è una cella di Joe, insomma, se….clicca qui’ 1)In…

Rispondi a domenico Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*