Le cinque balle della scienza


La fusione fredda , la memoria dell’ acqua, la propieta’ magnetica dell’ acqua,i raggi n, la poliacqua. Emilio Del Giudice, il famoso fisico teorico,ha enunciato queste ricerche al congresso
“Eppur si fonde” a Milano il 29 novembre del 2009  a cura della associazione no-profit Onne. In quella occasione il ricercatore ha spiegato come queste siano state per anni ritenute poco meno di stregonerie da parte dei principali organi scientifici. Alla meglio tutta questa categoria di scoperte apparterrebbe alla cosidetta “scienza patologica”, un modo offensivo di descrivere teorie e ricercatori che non ne vogliono sapere di basarsi solo sull’evidenza. Anche lui quindi probabilmente rientra nella categoria dei fisici guardati con sospetto dalla vecchia guardia del gotha della scienza. Ma davvero queste sono ancora considerate soltanto delle idee strampalate? Tutte quante? Non è piu’ proprio cosi’, i tempi cambiano, vediamo brevemente come stanno le cose oggi:

Fusione fredda

L’annuncio delle prime scoperte è datato 1989,quando i chimici Martin Fleishmann e Stanley Pons scoprirono la possibilita’ di ottenere una reazione nucleare senza usare alte temperature e con un dispendio minimo di energia e di risorse economiche. Ci fu’ un entusiasmo generale seguito da un avvicendarsi di vari laboratori in tutto il mondo per replicare gli esperimenti. Ma la reazione nucleare fredda non è per tutti e i tentativi fatti da altri non ebbero esito positivo. Subito l’entusiasmo calo’ e Fleishmann e Pons vennero quasi messi in ridicolo,malgrado avessero commesso un solo errore,quello di  tenere nascosta la difficolta’ nel riprodurre il risultato. Ci furono pero’ un paio di nostri illustri connazionali, Emilio Del Giudice e Giuliano Preparata,(quest’ ultimo purtroppo scomparso nel 2000)che non ne vollero sapere di adeguarsi all’ evidenza, presero sottobraccio Fleishmann e se lo portarono in un laboratorio di Milano. Qui’ i riscontri c’erano eccome, con un dispendio minimo di risorse e di energia, si potava ottenere la fusione nucleare anche a basse temperature. Questo significa ottenere energia senza scorie, senza inquinamento, senza petrolio. Ma una scoperta del genere andava …occultata.. La fusione fredda è una delle soluzioni stranamente mai adottata dalla scienza, e mai o scarsamente finanziata dai governi, un altra possibilita’ snobbata, discreditata, sotterrata da montagne di parole di scienziati che hanno dichiarato che non puo’ funzionare senza aver mai portato una prova valida a confutare le loro ragioni. Se non ci sono i finanziamenti, ma ci sono le persone giuste, le grandi scoperte non possono essere bloccate a lungo. Sopratutto in Italia, sono sorti dei laboratori dove degli indomiti ricercatori della verita’, autotassandosi, con delle attrezzature appena sufficienti, hanno ottenuto risultati entusiasmanti. Un esempio riguarda gli studi effettuati da due ricercatori indipendenti casertani,
Vincenzo Iorio e Domenico Cirillo , che la domenica del 18 aprile del 2008 eseguirono un esperimento in cui l’energia prodotta fu’ maggiore di quella usata. Pensate che a quei tempi i due ricercatori non erano ancora laureati, ed i mezzi a loro disposizione erano quelli acquistati con i loro risparmi.Esperimenti vengono replicati da noi ed in Giappone, dove il fisico Yoshiaki Arata, nel maggio del 2008, dimostrò pubblicamente come poteva fare funzionare un reattore con pochi grammi di palladio, ed azionare cosi’ un motore Stirling a pistoni. Per onor del vero il reattore fu’ messo a punto anche grazie a Francesco Celani dell’ Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Frascati. Da dove venga questa energia non è ancora chiaro,potrebbe essere la conseguenza di una trasmutazione, oppure si tratta di una energia nuova, non ancora conosciuta. La definitiva consacrazione della fusione fredda sembra giunta ormai ad un passo, quindi, malgrado ancora venga perpetrato il tentativo di nascondere al grande pubblico l’ esistenza di questa possibilita’, ci sono studiosi in giro per il mondo che stanno gettando il seme che sancira’ la fine dell’ era del petrolio,delle scorie radioattive, delle scandalose centrali biogas.Nel prossimo trafiletto parliamo di un altra “bugia”,la memoria dell’ acqua..nel frattempo se volete vedervi una “chicca” vi allego un video cult sulla fusione fredda. La Gabanelli di rai 3 intervista Preparata e Del Giudice, se avete gli occhi chiusi, questo video, ve li apre….

 

La memoria dell’ acqua
Un altro argomento caro a ricercatori di confine ma decisamente osteggiato dalla scienza ufficiale riguarda la memoria dell’ acqua. Anche in questo caso i negatori della teoria non hanno mai portato alcuna prova a conferma della loro opinione, limitandosi ad un secco e inspiegabile rifiuto . Perche’ anche per la memoria dell’ acqua vengono direttamente implicati interessi economici di poteri molto forti, in primis quelli delle case farmaceutiche. Avete visto tutti di cosa sono capaci certi poteri in occasione del tentato vaccino di massa per la finta influenza suina. Queste multinazionali non gradiscono l’ argomento memoria dell’ acqua  perche’ è proprio su questa che si basano i principi dell’ omeopatia, dei fiori di Bach, della cristalloterapia, l’aromaterapia. Per quanto riguarda l’ omeopatia, questa è  una branca della scienza medica che esiste da trecento anni e che cura il malato utilizzando il principio stesso della malattia che lo affligge. Questo principio viene diluito in acqua piu’ e piu’ volte sino a che nella provetta non esiste piu’ nemmeno una molecola del principio iniziale. Ma grazie alla memoria che l’ acqua ha conservato dalla prima diluizione, il composto ottenuto cura l’ ammalato, con il vantaggio della mancanza di controindicazioni. Milioni di persone nel mondo si curano con l’ omeopatia. La memoria dell’ acqua ha avuto parecchi detrattori (che vanno a dire il vero ammutolendosi ) ma anche proseliti di tutto rispetto, da Jacques Benveniste , Giuliano Preparata allo stesso Emilio Del Giudice (ancora questi due?) sino agli studi di Masaru Emoto. Quest’ ultimo si è cimentato in esperimenti che hanno dell’ incredibile, affascinato dall’ aver scoperto che l’acqua è sensibile alle vibrazioni di parole, musica e pensieri, ha adottato una sua tecnica di refrigerazione che gli consente di fotografare i cristalli di acqua cosi’ trattata , dimostrando che questi cambiano struttura a seconda dei messaggi che ricevono.Guardate queste immagini

Le propieta’ magnetiche dell’ acqua
Oltre al ricercatore Emilio Del Giudice sperimentatori sparsi in tutto il mondo da tempo sostengono la tesi sulle propieta’ elettromagnetiche dell’ acqua. Gia’ confortati da uno stuolo di persone poco inclini a credere a tutto quello che la scienza passa, da quest’ anno hanno avuto anche l’ apporto del Premio Nobel per la medicina 2008, il francese Luc Montagnier. Questi, in una conferenza tenuta a Milano a settembre del 2009 ha sbalordito i presenti con dichiarazioni che confermano il fenomeno di “risonanza delle molecole di acqua” da lui e dal suo gruppo di studio rilevato durante delle approfondite ricerche “
Montagnier parla dunque di un vero e proprio fenomeno di “risonanza” nelle molecole dell’acqua quasi che essa fosse “condizionata” e quindi “condizionabile”. Questo condizionamento può essere interno od anche esterno, ed in questo acquistano certamente peso certi fattori ambientali, come l’inquinamento elettromagnetico delle nostre città. Al di la di questo, è dunque possibile affermare, in estrema sintesi, che quando si diluisce una sostanza fino a far rimanere “solo acqua”, essa mantiene comunque un suo background elettromagnetico.”(Il tratto in blu’ è stato preso da questo pdf completo sulle dichiarazioni di Montagnier, prendetelo comunicato-dichiarazioni-montagnier è gratuito)
Quindi la memoria dell’ acqua ha una natura elettromagnetica. Ogni sostanza possiede una vibrazione elettromagnetica,una frequenza precisa e definita. L’ acqua veicola questa informazione dopo essere stata in contatto con essa, o addirittura NON in contatto, ma solo avvicinata . Il corpo umano è composto al 70% di acqua, facciamo una considerazione, se è vero che l’ acqua è sensibile alle onde magnetiche e sonore che si trovano nell’ ambiente, figuriamoci sino a che punto siamo influenzati dall’ inquinamento elettromagnetico oppure dalle informazioni sonore ormai costantemente presente nella nostra vita. L’ acqua del nostro corpo ne puo’ essere beneficiata oppure sicuramente sconvolta. Si aprono nuove importanti prospettive per la scienza e per la medicina. Dall’ interazione fra gli studi di chimica, elettromagnetismo, possono scaturire delle conoscenze sulla funzione naturale dell’ acqua, che ci possono permettere di vivere in armonia con la natura, nella giusta maniera, senza usarle violenza. Riflettendo su queste conoscenze si riesce a comprendere anche come funzionano macchine inventate anche un secolo fa’ da scienziati come Lakhovsky, Marconi, ,questi misero a punto e sperimentarono degli strumenti per la cura di tutte le malattie, cancro compreso, che sono ancora in uso oggi. Questi dispositivi, uno per tutti, l’
OLOM di Lakhovsky , agiscono per mezzo di onde corte sulle cellule malate, composte per lo piu’ da acqua, modulandone la frequenza sino a riportarla alla quota dello stato di salute.Emilio Del Giudice conclude cosi’ un suo aticolosu questo argomento: in Hidro veritas!

I raggi N
La discussa scoperta dei raggi N avvenuta nel 1903 viene ancora oggi utilizzata come esempio di scienza patologica. Rene’ Blondlot fu’ lo studioso e fisico francese autore degli esperimenti che lo portarono a sostenere che oltre ai raggi X,scoperti nel1895da Wilhelm Röntgen, vi era la possibilita’ che esistesse un altro tipo di raggi in grado di rendere piu’ visibile un oggetto appena visibile ed addirittura di trapassare un blocco di alluminio o di legno. Appena dopo l’ annuncio di questa scoperta alcuni ricercatori da laboratori sparsi nel mondo confermarono che dopo i loro esperimenti avevano rilevato la presenza dei raggi con le caratteristiche descritte da Blondlot. La festa duro’ poco, fra i molti ricercatori che “fallirono” l’ esperimento ce ne fu’ uno che se la lego’ al dito . Si chiamava Robert W.Wood ed era anche lui un fisico. Siccome questi era un esperto in ottica e oculistica, volle vederci chiaro ed ando’ a chiedere lumi a Rene’ Blondlot nel suo laboratorio. Quando Wood avanzò i suoi dubbi sulla esistenza di questi raggi Blondlot gli rispose “ “Questo è uno degli aspetti più affascinanti dei raggi N: essi non seguono le ordinarie leggi della fisica”. A quel punto non restava che ripetere l’ esperimento in presenza del ricercatore scettico, in una stanza molto buia, perche’ l’ effetto era appena visibile. In effetti Blondlot ottenne i soliti risultati, peccato che con il favore delle tenebre Wood aveva tolto il prisma in alluminio e quindi i raggi non avevano trapassato nulla. Al contrario delle teorie esposte sino ad ora in questo articolo, questa dei raggi N potrebbe anche essere osservata da un punto di vista differente. Ammesso e non concesso che i raggi N non esistano,la teoria è stata abbondantemente ributtata persino da sperimentatori che inizialmente credevano di avere trovato dei riscontri dai loro esperimenti. Quindi possiamo dire che, se una teoria è sbagliata, non ci saranno molti studiosi disposti a perdere il loro tempo alla ricerca del nulla. Come ben sappiamo questo non è il caso della fusione fredda , della memoria dell’ acqua, delle propieta’ elettromagnetiche dell’acqua. Qui’ i ricercatori disposti a perdere il loro tempo ci sono perche’ i riscontri ci sono eccome, anche se passano gli anni,e svariati interessi cercano di affossarle queste teorie trovano sempre piu’ interesse nel campo degli studi scientifici.

La poliacqua
Correva l’ anno 1968,con grande clamore alcuni “scienziati” sovietici annunciarono di avere scoperto un nuovo stato di aggregazione dell’ acqua. In alcune provette questa si era trasformata in una forma gelatinosa! Subito dopo l’ annuncio, altri ricercatori americani ed inglesi, forse fiutando l’ affare, proclamarono al mondo che si, anche loro confermavano che l’acqua poteva assumere anche questa struttura. Seguirono esperimenti in tutto il mondo. Ma a parte le prime conferme dichiarate da americani ed inglesi, la poliacqua non gli riusciva di replicarla a nessuno. Iniziarono a sorgere i primi dubbi, in quel clima di guerra fredda che c’era al tempo fra i due blocchi contrapposti, qualcuno inizio’ ad insinuare il dubbio che si fosse trattato solo di propaganda. Era proprio cosi’, nel 1970 la teoria della poliacqua fu’ affossata definitivamente come truffa scientifica. La poliacqua altro non era che una soluzione di acqua e silicone, con l’ aggiunta di alcuni fosfolipidi. Anche questa balzana teoria è circolata nel campo scientifico per ben due anni, per poi essere bollata e definitivamente accantonata come truffa scientifica. Quindi possiamo concludere dicendo che molto spesso false scoperte vengono fatte circolare in ambito scientifico per anni, magari qualche ricercatore prende anche il Nobel. Quando poi ci si rende conto della cantonata presa tutto passa nel silenzio,i nomi dei ricercatori spariscono,rimangono i soliti “pazzi” della fusione fredda, della propieta’ elettromagnetica dell’ acqua, della memoria dell’ acqua, facilmente individuabili da sempre, perche’ esposti con nome e cognome al pubblico giudizio.Loro ,sempre loro, fuori dalle righe, ma dentro il vero progresso


Nella foto Giuliano Preparata (in primo piano) ed Emilio Del Giudice in un immagine di qualche anno fa’

4 Comments

  1. Arcale
    Dic 9, 2009

    Bene, anzi no… male.
    Quindi anzichè investire in una ricerca che ci porti a produrre energia più pulita, saremo fra gli ultimi a costuire centrali nucleari vecchio stile. Forse sarà stato un errore non costruirle più di 20 anni fa per non dipendere tutto questo tempo soprattutto dalla Francia, ma tant’è che oramai il tempo perso non si recupera. A questo punto non sarebbe meglio cercare di guardare oltre, per essere fra i primi a realizzare qualcosa di alternativo? E invece no, anche noi produrremo le nostre belle scorie da donare ai posteri per i prossimi millenni.

  2. domenico
    Dic 9, 2009

    Lo spiega bene Preparata all’ inizio del secondo video. Meglio investire grandi capitali, dare da lavorare a migliaia di persone, istallare impianti e reattori in zone depresse. Come farebbero a spiegare che dopo tutto questo da fare la fusione nucleare si poteva fare con pochi denari?Aveva ragione il Prep,” La scienza è ritornata ad essere una stretta ancella degli interessi economici e di potere”

  3. Arcale
    Gen 6, 2010

    Ho riletto adesso, dopo che hai completato l’articolo, uno dei più belli e articolati che hai scritto.
    Ad integrazione ti aggiungo cosa ho scoperto per caso.
    Vedi qui chi è stato insignito del premio Ig Nobel (un nobel al contario) nel1991 e perchè… http://it.wikipedia.org/wiki/Premio_Ig_Nobel

  4. domenico
    Gen 6, 2010

    Oh bella questa. Quindi NON SOLO cannano il premio Nobel , ma clamorosamente anche il premio Ig Nobel viene dato a persone che non se lo meritano affatto. 🙂 Mortacci loro

Rispondi a domenico Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*