VERO – O – FALSO

Fra le grandi opportunità di internet vi è quella che chiunque puo’ scrivere di un opinione, lanciare un messaggio, dare un informazione, la sua idea potrà essere percepita, discussa, condivisa, oppure finire nel dimenticatoio come una boiata sentita al bar.
In rete nascono movimenti, si combattono i governi, si sviluppano idee e progetti, si portano avanti MILIONI DI IDEE. Qualcuna è ottima, altre meno, una cosa è vera, un altra è falsa, ci sono maschere che nascondono facce veramente brutte, se ci clicchi sopra sei fregato, di contro anche magnifiche opportunità celate fra le righe di una informazione, di un messaggio, ed è beato chi la coglie.
Del resto la linea di confine fra il vero e il falso, mai come in questi tempi moderni, è diventata impercettibile, probabilmente inesistente: solo da settembre del 2011 sappiamo falsa l’ idea che non si possa superare la velocità della luce, vero che i neutrini corrono veloci a screditare la teoria su cui si baso’ la fisica di Einstein. Sempre nel 2011 (wow! Che anno!) Luc Montagnier, premio Nobel per la medicina annuncia la scoperta che alcune sequenze di DNA possono indurre segnali elettromagnetici di bassa frequenza in soluzioni acquose altamente diluite, le quali mantengono poi ‘memoria’ delle caratteristiche del DNA stesso*.
Ehi!!! Ma vuol dire dare credito all’ Omeopatia ! E alla memoria dell’ acqua! Ma non erano bufale? Ma allora, è vero o falso?

A qualche detrattore queste informazioni faranno venire il mal di pancia, gli consiglio di rivolgersi ad un bravo omeopata. 🙂

L’ idea che presento nel primo post del 2012 è dell’ Ing. Giulio Zampa, uno scienziato che ha dedicato la sua vita a ricerche innovative, con esperimenti che mi immagino al limite dell’ impossibile, grazie alla sua apertura mentale, le sue scoperte sono la materializzazione di ipotesi, concetti, che possono scaturire solo da una mente geniale. Il Ministero della Ricerca del nuovo mondo che sarà , per quanto mi riguarda, è già suo.

VERO – O – FALSO

Penso che per conferire all’acqua (es. in una fiala) un principio attivo di una sostanza (es. un dato farmaco) sia necessario “trasferire” in essa un segnale elettromagnetico composto da più pacchetti di onde, di frequenza diversa, emessi in successione. Queste oscillazioni dovranno comunque essere vincolate tra loro da un preciso rapporto matematico e trasmesse con un particolare protocollo che le renda bioriconoscibili da un sistema vivente

Questo segnale potremmo quindi chiamarlo “Figura vibrazionale”.

Ammettendo di:

  • aver “rilevato” da una certa materia (campione) questo preciso e specifico “codice” (simile ad un codice a barre) che ne rappresenta il principio attivo,

  • di aver costruito un apparecchiatura elettronica capace di generare lo stesso codice, e di trasmetterlo con un protocollo di identificazione biologica,

potremmo facilmente trasferire questo principio attivo in acqua sterile posta in un contenitore di vetro (fiala), introducendo tale contenitore in un opportuno solenoide collegato all’uscita di detta apparecchiatura.

Quest’acqua “informata” magneticamente poi, se benefica, farla bere (oppure porla a contatto epidermico) per trasferire questo “messaggio” direttamente all’acqua biologica di un sistema vivente (uomo).

Si può supporre, molto verosimilmente, dopo aver sollecitato con tali codici vibrazionali il sistema neurovegetativo (simpatico-parasimpatico), attraverso una stimolazione ipotalamica, di produrre delle “risonanze” nel sistema vivente, ottenendo quindi risposte precise e di enorme importanza.

Potremmo anche rilevare facilmente quali frequenze in Hertz formano il codice vibrazionale di un dato organo (sano), inviarle all’organo stesso, se distonico o ipofunzionante, mandarlo in risonanza e quindi riportarlo in “armonia” ovvero nel suo stato di “sanitas” in breve tempo.

Concludo dicendo che i “codici vibrazionali della materia” sono stati da me decriptati ed espressi in Hertz (cicli al secondo) e quindi trasformati in tanti pacchetti di varie frequenze che per divenire bioelettroniche debbono essere emesse con una particolare procedura, rispettando un rigido protocollo di grande precisione da me sintetizzato in una espressione matematica.

Intendo liberalizzare senza profitto questo protocollo ma pretendo di assicurarmi prima la paternità della scoperta.

FIGURA VIBRAZIONALE (parola chiave)

Struttura:

Una Figura Vibrazionale è composta da un certo numero di “pacchetti” di oscillazioni bioelettriche (in Hertz) in rapporto matematico tra di loro, espressi in modo sequenziale, in un determinato tempo, nel rispetto di un rigido protocollo di trasmissione-ricezione.                            Giulio Zampa

*La scoperta è stata pubblicata su una delle riviste scientifiche più prestigiose al mondo, Journal of Physics ed è stata effettuata da due gruppi di lavoro distinti: “il primo francese coordinato dal Prof. Luc Montagnier, Premio Nobel per la Medicina, con i tecnici e biologi Lavallè e Aissa, e il secondo tutto italiano coordinato dal fisico Prof. Emilio Del Giudice, (IIB, International Institute for Biophotonics, Neuss, Germany) con Giuseppe Vitiello (Fisico teorico del Dipartimento di Matematica ed Informatica, Università di Salerno) e Alberto Tedeschi, ricercatore (White HB, Milano)”.  Articoli correlati :\”Lo scienziato in goppa a Posillipo\”                                                              \”L\’ omeopata adopera il migliore farmaco allopatico\”

6 Comments

  1. vincenzo
    Gen 14, 2012

    Complimenti per le vibranti teorie, avrete comunque un bel da fare per smontare le conclusioni della casta a riguardo dell’omeopatia. Hei Domè li vuoi conoscere gli ultimi risultati delle mie ricerche radiestesiche sul letto a risonanza passiva? Se passi da casa mia te le dico. A presto e cambia questo modulo che ha scrivere i commenti ci vuole la bussola…

    • domenico
      Gen 14, 2012

      Ciao Re dei Giziani, come stai? Appena mi raccapezzo ti telefono. In riguardo al modulo commenti che fa schifo ti do solo ragione, ma per mettermelo a posto vogliono la password del sito, e l’ idea mica mi scompiffera tanto. Invece per l’ omeopatia non pensare che siamo partiti lancia in resta per sconvolgere il sistema. Giulio Zampa scrive le sue interessanti argomentazioni, getta il seme…poi si vedra’…come faceva Ighina.Queste cose è bene che vengano divulgate, della reazione, che ce ne fotte?

      • vincenzo
        Gen 17, 2012

        Vero fratè, lasciamo i dinosauri a lottare fra loro per l’estinzione…com’è che diceva il Maestro? sono del club chissenefrega. Parole sagge. Chiama quando vuoi che intanto ti stilo una relazioncina sulle nuove scoperte.

  2. DOM
    Gen 16, 2012

    Ciao Domenico , mi domandavo se conosci questo video :

    http://www.youtube.com/watch?v=7ctaA2mERzI

    Simpatico vero ? e cosa ti ricorda ??

    Saluti
    D.Domenico (Fortunadrago)

    • domenico
      Gen 16, 2012

      Ciao Domenico ! Il video è veramente simpatico, ma non mi ricorda altro, mi aiuti?

  3. theinfoteca
    Gen 29, 2012

    Hai ragione !
    E’ un ottimo post solo che con uno sfondo nero e il testo molto piccolo si fa fatica a leggere bene.

Rispondi a theinfoteca Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*