Problematiche scoperte scientifiche russe.

colbacco 4
Ho fatto un giro in giro, ho visto posti, incontrato gente…ma come spesso accade il meglio l’ho trovato dopo avere infilato la chiave nella toppa , aperto casa, acceso il pc, letto le email….In breve si è aperta un autostrada, che poi è diventata pista, da cui spiccare il volo..andiamo? Via!!
Sono un ricercatore, nel senso che la mia vita consiste nel mettere insieme un puzzle infinito di conoscenze da incastrare, un pezzo dopo l’altro, svelando via via il quadro.
Nel corso di anni dedicati a spolverare studi di scienziati di confine e non, come Ighina, Tesla, Marconi, Todeschini ecc… mi sono imbattuto spesso in accenni di teorie di origine russa, paese senza dubbio all’ avanguardia nello sviluppo di esperimenti con base di fisica quantistica, luogo dove si sono concentrate ricerche sulle capacità dell’ uomo di influenzare con il pensiero il proprio e l’ altrui destino, nazione culla delle teorie sulla forma spiralegiante dell’ energia, delle onde elettromagnetiche, patria di interpretazioni azzardate su effetti inspiegabili della natura in cielo in terra ed in ogni luogo, terra dove convergono ipotesi sulla conservazione di fotoni di luce da parte del DNA e altro ancora…
spirale-norvegia
Si vociferava in rete che le informazioni dalla Russia fossero aumentate in maniera esponenziale da quando era caduta la cortina di ferro e queste ricerche avevano lasciato la gabbia del segreto di stato, si diceva… ma io piu’ di tanto non trovavo.
Pensavo :”ci vorrebbe che un esperto del campo, russo, se ne venisse in Italia che avesse pure voglia di divulgare queste informazioni.” Bingo. Uno l’ ho trovato. Anzi, una, poi vedremo di chi si tratta, intanto la mia attenzione e la vostra spero di riuscire a focalizzare incrociando elementi già da me acquisiti costruendo strumenti bioenergetici con altri dati trovati nella steppa della ex Unione Sovietica.
Tralasciamo le molte informazioni attinenti che riguardano studi e teorie e che approfondiremo in altri articoli, (il pozzo sembra essere profondo e avremo da divertirci), concentriamo l’ attenzione sulle ricerche piu’ azzardate che riguardano il DNA.
DNA Strands
Gli scienziati russi hanno scoperto a che caspita serve quel 95% che è sempre stato considerato “spazzatura”, valutando la possibilità che questa maggior parte del filamento serva anche per comunicare e per memorizzare le informazioni. In essenza la caratteristica doppia elica sarebbe niente poco di meno che una antenna elettromagnetica ideale, ma questa non solo sarebbe in grado di assorbire , memorizzare e fatto vibrare la luce captata dall’ ambiente, secondo le ricerche del russo Pyotr Garjajey addirittura il nostro DNA sarebbe in grado di comprendere il linguaggio umano.
Non serve parlare un idioma particolare, le vibrazioni vengono codificate ai livelli sintattico e semantico che sono comuni a tutte le lingue umane. In pratica il DNA trasmuta le frequenze ,vibrazioni delle parole in un codice che potrebbe essere considerato il reale linguaggio dell’ umanità.
Questo apre una visuale nuova che potrebbe cambiare il mondo, per esempio in futuro si potrebbe pensare di intervenire con onde di frequenza sonore sul DNA per riparare difetti genetici, stimolare l’ autoguarigione, guarire cellule cancerogene. La cura in questi casi non sarebbe piu’ un farmaco ma una informazione e per inviare questa non sarebbe nemmeno necessario disporre del codice del DNA, basterebbe parlare il linguaggio di tutti i giorni.
Possiamo provare ad intuire come il meccanismo funzionerebbe , si tratta di una sorta di programmazione che avviene continuamente per mezzo delle vibrazioni sonore,le frequenze delle parole a cui siamo sottoposti arrivano a coinvolgere il nostro DNA e a determinarne un mutamento, ecco un altro perchè i genitori dovrebbero stare attenti a come parlano ai loro figli. I bambini imparano il comportamento non solo per imitazione, il loro DNA viene influenzato da queste vibrazioni.
In base a queste considerazioni possiamo ora comprendere meccanismi come il training autogeno, l’ ipnosi, l’ autosuggestione, trance, meditazione ecc…
Ma se, come riportano queste russe ricerche, il nostro DNA è così sensibile da codificare le vibrazioni delle parole, pensiamo a che succede allora nella nostra firma biologica nell’ era del wi fi, dei telefoni cellulari, di tutta una montagna di onde che pervadono gli ambienti dove viviamo.
Sino ad ora il rischio è stato (forse) monitorato per quanto riguarda i danni che queste continue radiazioni potrebbero portare ai tessuti del corpo, nessuno ha apertamente mai pensato di verificare se il DNA degli esseri viventi non subisca alterazioni
La frequenza naturale del DNA è di 150 Mhz, mentre quelle principali dei moderni dispositivi di telefonia mobile GSM viaggiano nella zona fra 900 e 1800 Mhz; perchè una frequenza entri in risonanza con un altra occorre che la sua quota sia pari o un multiplo dell’ altra, come vedete purtroppo la nostra lo è.
In questo modo, se la teoria di Pyotr Garjajey fosse confermata, potremmo scoprire che non solo il nostro DNA entra in risonanza con le radiazioni della telefonia mobile e le assorbe, subisce anche l’ influenza del guazzabuglio di parole trasmesse durante le chiamate fra telefoni cellulari! Che guaio!
Queste recenti scoperte russe sono accompagnate da notevoli problematiche di difficile soluzione. Se io posso allontanarmi da un ambiente dove mi rendo conto che i suoni delle parole sono sgradevoli, come ci viene istintivo di fare, non posso però sfuggire alle silenziose frequenze delle telefonate cellulari nell’ etere sparse. Se posso rilassare in toto il mio corpo e la mia mente in una magnifica seduta di meditazione, non posso comunque “spegnere” le onde multifrequenza che attraversano i muri, la terra, il mio corpo come invisibili spade.
Che avrebbe fatto Ighina? Avrebbe proposto di applicare ad ogni antenna di telefonia sparse nel paese un sistema a spirale.simbolo anunaki In questo modo ogni onda vagante nell’ etere sarebbe pre-filtrata in in un vortice imposto, e resa funzionale ma innocua perchè l’ onda invece di essere intersecante alla elica del DNA ,ci si potrebbe avvitare forse senza lasciare indesiderate tracce. Meditiamo.

Olga Sammarina è la ricercatrice russa di cui parlo nell’ articolo, il suo interessante blog è

qui’
Se volete informazioni sulla messa a punto di strumenti costruiti in base alle ricerche di Ighina Marconi per l’ armonizzazione di energie, scrivete una email all’ indirizzo evidenziato a destra oppure lasciate un commento, verrete ricontattati.

5 Comments

  1. Olga Samarina
    Apr 2, 2013

    Molto bene, allora ecco a voi un saluto dalle steppe☺)) Per la verità, l’aria delle steppe è parecchio diluita dalle fragranze del Mediterraneo, ma resiste!

    Ho letto con interesse sulle ricerche di Giulio Zampa. Complimenti al ricercatore, e meno male che queste persone ci sono! La radionica degli strumenti è un ramo che affascina molti, e infatti, la parte sinistra del nostro cervello ha bisogno di un supporto scientifico.
    Ma non dimentichiamo le potenzialità che possiede un essere umano “multidimensionale”: il problema è nella qualità della connessione tra queste strutture. Se è ottima (come, purtroppo, accade raramente), allora abbiamo già una perfetta macchina radionica “incorporata” che non necessità d’altro, se non del pensiero ben orientato e preciso: parlo del nostro Sé Superiore.

    Possiamo guarire anche scoprendo (o riscoprendo) ciò che abbiamo perduto nel corso dei millenni – il nostro essere multidimensionale che sta con i piedi per terra ma la cui testa fa parte degli universi dimenticati. Questa è la radionica spirituale le cui basi sono state sviluppate dai ricercatori russi (Liudmila Puchkò ed altri), e che vede l’uomo come una potente “macchina” bioenergetica creata dalla Mente Suprema.
    Tra poco spero di poter essere pronta con il seminario “LE TECNICHE DELLA RADIONICA SPIRITUALE RUSSA AL SERVIZIO DEL NOSTRO BENESSERE PSICOFISICO. (Imparare a ripulirsi e a proteggersi tramite la comunicazione con il proprio Sé Superiore)”.
    Grazie Domenico per il tuo impegno, è molto importante ciò che stai facendo.
    Olga Samarina

  2. Sandra
    Apr 9, 2013

    Molto interessante il sito di Olga, dove si svolgerà il seminario? Grazie

  3. Andr3w
    Apr 20, 2013

    Vi devo dire che c’è un sensitivo mio vicino di casa, che quando dorme sente le conversazioni telefoniche! Adesso ho una spiegazione al fenomeno. è il dna che assorbe, grazie dell’articolo.

  4. Loretta
    Mar 20, 2017

    Vorrei avere notizie su un corso a Roma.Mi piacerebbe partecipare.
    Grazie

    • domenico
      Mar 28, 2017

      Noi non ne sappiamo di questi corsi Madame

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*